Progetto WeWild 2017-2018


Disturbo della fauna in inverno: sviluppo di una strategia di comunicazione comune
In occasione del seminario internazionale "Wildlife and winter sport activities" tenutosi nel Marzo 2016 nel Parco naturale regionale delle Bauges, i nostri membri e altri partecipanti hanno espresso la forte volontà di impegnarsi verso un processo condiviso sul tema. Con il progetto WeWild, ALPARC mira ad elaborare una strategia di comunicazione e dei primi strumenti di sensibilizzazione condivisi per le aree protette alpine al fine di ridurre gli impatti dei praticanti degli sport invernali sulla fauna selvatica.

Obiettivi
Diffondere insieme un messaggio comune per la sensibilizzazione dei praticanti degli sport invernali sulle Alpi.

  • Condividere le competenze e le esperienze degli attori esperti del tema lungo l’arco alpino
  • Elaborare insieme una strategia di comunicazione adatta alla scala internazionale
  • Sviluppare degli strumenti di comunicazione per la diffusione (presentazione grafica, sito web, video clip)
  • Ricerca di nuovi partner: Club Alpini, governi, organizzazioni per la tutela ambientale, imprese dell’outdoor.


Un lavoro collaborativo
Nel 2017 WeWild riunirà gli esperti delle aree protette alpine e i partner interessati in 2 workshop. Un gruppo di lavoro dedicato al progetto sarà coordinato su scala alpina.

  • Il I° si terrà il 23 e 24 Marzo 2017 nel Vorarlberg, mira alla condivisione delle esperienze nelle campagne di sensibilizzazione e a sviluppare i contenuti della strategia di comunicazione e gli strumenti comuni.
  • Il II° atelier, nel Novembre 2017, servirà ad affinare e a validare gli elaborati.


Risultati attesi
Gli strumenti di sensibilizzazione saranno resi fruibili dal Gennaio 2018 a tutti i membri ALPARC, ai partner del progetto e agli altri attori della rete. A medio termine, la creazione di partenariati con altri attori, festival e manifestazioni sportive serviranno alla diffusione degli strumenti di comunicazione e alla messa in atto della strategia. La conferenza finale si terrà a fine 2018 in Francia. Questa darà uno slancio in più all’iniziativa, presentando i risultati del progetto e riunirà un gran numero di attori alpini attorno a questo tema.

Il progetto è coordinato dall’unità operativa di ALPARC e sostenuto dal Ministero Tedesco dell’Ambiente (BMUB). Per ulteriori informazioni, appuntamento sul nostro sito web o contattateci direttamente.

RZ Logo BfN 2014 CMYK EN recadré 3BMUB Office en supported recadré 3

 

 

 

 

Coordinatore progetto: Dominik Cremer-Schulte | info@alparc.org | Skype
Pagina web: www.alparc.org/wewild

WeWild project: The initiative grows through two further workshops in France and Italy
After a first workshop in Vorarlberg last March, ALPARC has recently organised two further workshops in Les Ecrins National Park (France) and in the nature parks of the Ossola Valleys (Italy) in the frame of the WeWild project. The aim of the project and its growing working group is the…

Project development

Project development

The first workshop of the project took place in Vorarlberg at the end of March 2017. To find out more about it, see this article.

 

It provided us with some original ideas for a joint communication strategy and allowed us to discuss the needs of individual protected areas and campaigning organisations. Based on these results, ALPARC has started working on a joint communication strategy that will also frame the creation of joint communication tools. The strategy’s aim is to raise awareness of outdoor recreationists in the Alps using international cooperation, exchange and communication. Based on a positive, non-regulatory attitude, its aim is to gain momentum, increase visibility of existing campaigns and contribute to eco-friendly behaviour in snow and outdoor sports. For more information, see also our recent newsletter article here.

 

ALPARC will organise a second WeWild workshop in November in the Aree protette dell’Ossola, Italy. It will focus on presenting the strategy and its tools, and plan the communication actions across the different Alpine countries.